Il curriculum

Tornata. Il contatto utile alla fine era un distinto signore al quale dare un altro curriculum a mano invece che via mail. In attesa di risposte e senza alcuna garanzia di un futuro.

Bisogna inventarsi qualcosa. Una parola. Più facile a dirsi che a farsi. Però i tempi morti vanno utilizzati per l’autoformazione. E allora leggo e studio. Imparo.

Imparo per esempio che il fruttivendolo vicino casa mia fa una strana smorfia ogni volta che qualcuno gli chiede se la verdura è fresca. Vorrebbe mandare a quel paese tutti. Invece risponde con garbo e spiega che quella verdura viene dal suo campo e che l’ha raccolta lui stesso poche ore prima.

Non ho mai lavorato da un fruttivendolo ma ho lavorato in altro genere di negozi e trovo il tono di certi clienti insopportabile. Non hanno la minima idea della fatica che comporti ogni loro capriccio. Sarà anche vero che il cliente ha sempre ragione ma se guadagni quattrocento euro al mese, scarse, ogni cliente capriccioso diventa intollerabile.

L’importante è tenersi impegnata. Ripetermi come un mantra che ce la farò. E ce la farò.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: