La precarietà è solo un problema psicologico (disse egli)!

L’ultima pagina di diario era troppo triste. La notte, il buio, ogni tanto fanno emergere ansie per il futuro e può capitare a tutti di vedere tutto nero.

D’altronde è davvero difficile vedere il mondo colorato di rosa con le prospettive precarie delle persone come me.

Ma oggi c’è il sole. E’ una bella giornata. Ho tempo per leggere un libro, fare una passeggiata, riposare un po’, prima di andare a lavorare.

Il sabato è tutto per me. Domani devo andare a trovare i miei ed è così difficile dare a loro risposte che io non ho.

Capita anche a voi?

Sono ansiosi, giustamente preoccupati, ti dicono che non dormono la notte pensando che prima o poi se ne andranno e non possono proprio rassegnarsi all’idea di lasciarti senza nessuna garanzia di sopravvivenza e tu devi stare lì a calmarli, preoccupandoti a tua volta di evitargli emozioni forti, che già ne hanno vissute troppe, e non vuoi che gli venga un infarto per lo stress da genitorialità frustrata.

Perciò oggi guardo il mondo in modo positivo. Io ho mille risorse. Io sono una bella persona. Io sono intelligente. Io posso farcela.

E se non ce la faccio?

Ma chi se ne frega.

Intanto preparo qualcosa da portare ai miei e scrivo una lettera, che fa tanto poesiola natalizia ma a loro fa tanto piacere.

Ci vuole così poco per rendere felici le persone che ti stanno accanto ed è così difficile tentare di raggiungere un po’ di equilibrio per se stessi.

Volevo dirvi questo, per non lasciarvi con l’impressione che da un momento all’altro potrei crollare.

Non mi lascio andare. Sono viva e pensate un po’ oggi voglio anche fare l’amore. Che due ovaie a stare a rimuginare sul buio e sul futuro. Un po’ di autoironia, che diamine, l’ha detto anche il premier che la precarietà e la crisi economica sono solo un problema psicologico, no? 😛

Se ne avete voglia condividete con me le cose belle che volete fare oggi. Solo quelle belle…

Annunci

4 responses to “La precarietà è solo un problema psicologico (disse egli)!

  • Anto

    Leggerti! Ciao, Anto

  • S.

    Io oggi preparerò due esami, uno di francese, e uno di tedesco. E poi andrò ad un’assemblea, e ci sarà la cena sociale (spero anche con l’opzione vegan!), e spero tanto di cambiarlo questo mondo, cazzo.
    Comunque sono felice, perchè ieri ho imparato a fare i detersivi fatti in casa, e insomma, è una vittoria 🙂
    un abbraccio

    S (studentessa disocuppata)

  • konni

    Io vado dai miei almeno 2 volte a settimane, ho un posto fisso e mi attaccano sul fatto che da anni non ho un aumento, credo che sia nei loro geni lamentarsi di qualcosa, e chissenefrega, è già tanto se ho un lavoro fisso, figurati se rischio antipatie a chiedere un aumento. A Milano piove, c’è una bella temperatura, c’è poca gente in giro e si sta bene. Continua a scrivere Mala che è la tua cura alla depressione, grazie. konni

  • Povi

    Programma di oggi – domenica. Dopo aver lavorato sino a tarda notte ieri sera, invece di andare a dormire ho pensato bene di “sistemare” quelle due bottiglie di succo di mela fermentato che avevo in casa. Risultato? Esplosione. Cucina, soffitto, muri, utensileria varia ricoperti da liquido non meglio qualificato (era succo di mela). Per cui oggi pulizie (ridi un pochetto della mia disgrazia). Ma con tanto ottimismo perchè finalmente le pulizie le faccio a casa mia e almeno mi godrò il risultato. E poi… chi lo sa se non ci scappa una pennichella e un po’ di ammmore. Domeniche così. Un abbraccio baby!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: