Sessantanove giorni all’alba

Questi post dovrebbero titolarsi “lettere dal carcere” perché è così che sento. Sessantanove giorni ancora alla fine di questa tortura. Nel mio loculo/alloggio finirò per disegnare le linee sulla parete, una per ogni giorno in meno trascorso qui dentro.

Se qualcuno/a tra voi mi vedesse in panne, notasse la monotonia degli argomenti, l’uso continuo delle stesse parole, un balbettare inutile nei miei post, vi prego di dirmelo e di soccorrermi. Mi servono flebo di intelligenza. Perché qui l’intelligenza è l’ultima cosa che ti chiedono di esporre.

Mattina. Intrattenimento dei bimbi. Li raccattiamo dai bungalow alle 8.30 del mattino e li portiamo a fare “giochi” per un paio d’ore. Poi li riconsegniamo ai genitori, generalmente le madri, distogliendole dal loro relax, perché possano farli nutrire. Ce li riconsegnano dopo mangiato e si organizzano altre avventure. Di nuovo le madri, doccia, cena e poi a nanna.

I bambini sono le persone più intelligenti del villaggio. Con loro mi diverto e rido. Quello che trovo triste è occuparmi degli adulti. Animare questi esseri in coma permanente, dal cervello devastato da luoghi comuni, idiozie, stereotipi, pregiudizi, sovrastrutture devastanti.

I bambini, invece, quelli proprio no. Ce ne sono alcuni che parlano come il papi o la mamma. E sono quelli più ignorati dagli altri coetanei. Segno che le sciocchezze dei genitori non possono fare presa in un mondo di creature che ancora non sono piegate al dovere dell’assenso ipocrita, del sorrisino di necessità, della schiavitù sociale per opportunismo.

I bambini e le bambine mi cercano. Mi salutano, corrono ad attirare la mia attenzione anche quando stanno con i genitori. Sono persone che mi piacciono e io piaccio a loro. E’ decisamente un mondo assai migliore di quello che vedo tutto attorno.

I giochi che faccio fare io non discriminano. Non ci sono giochi da femmina e giochi da maschietto. Tutti fanno tutto. Ciascuno fa quello che vuole. Ed è così che i bambini penso dovrebbero essere educati, seguendo le loro inclinazioni invece che subire le imposizioni di chi divide il mondo in rosa e celeste.

Nessun grembiulino delle scuole fasciste. Nessuna divisa di genere. Sono solo bambini e bambine e meritano un’altra possibilità, una alternativa.

Stamattina i due bimbi che non volevano giocare mi hanno regalato un’acconciatura piuttosto originale. Vado in giro da qualche ora con spuntoni asimmetrici e fermagli colorati. Mi sento bellissima. Il ragazzo del bar mi ha chiesto se per caso nel mio loculo non ci fosse uno specchio.

“Non puoi capire!” – gli ho risposto.

Così ho deciso che andrò in giro per tutto il giorno con questa acconciatura. E domani credo che ripasserò dal medesimo coiffeur.

Annunci

4 responses to “Sessantanove giorni all’alba

  • Lorenzo Gasparrini

    Ti regalo questa scenetta che ha come protagonista mio figlio Ivan, all’epoca 5 anni. L’ho intitolata “Nemesi”.

    Scena: visita medica, test cognitivi. Ivan ha appena finito di azionare un trenino elettrico, obbedendo alla dottoressa, che ora però è passata a un altro test con delle carte disegnate. Ivan non sembra interessato.

    Dottoressa: “Ivan, sei bravo, ma devi fare le cose che ti dico.”
    Ivan: “Sì.”
    Dottoressa: “Cosa c’è in questa figura?”
    Ivan: “Accendiamo il trenino?”
    Dottoressa: “Ivan, cosa c’è in questa figura?”
    Ivan: “Il treno.”
    Dottoressa: “Ivan, chi comanda qui, io o te?”
    Ivan: “…”
    Dottoressa: “Ivan, allora: comandi tu o comando io?”
    Ivan: “Comanda il corpo.”
    Dottoressa: “Eh? Comanda il corpo? Ah, facciamo il filosofo eh?”
    Dottore: ” Eh sì, il padre…”
    Dottoressa: “Ah, lei è filosofo?”
    Padre: (china la testa e guarda a terra) “Sì.”
    Dottoressa: “Allora è colpa sua.”

  • Malafemmina

    eh si 🙂
    Povero Ivan. Tra le varie disgrazie possibili doveva proprio capitargli un padre filosofo. pensa quanto sono fortunati i bambini con padri completamente inetti. davvero una gran fortuna! 😀

    Dai un abbraccio a tuo figlio e digli che è un bambino molto fortunato. :*

  • Cornelia

    L’estetica dell’innocenza salva dal carcere dell’ipocrisia!

  • Just Laure'

    Just Laure’… ama Ivan!!! Grandeeee bimbo! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: