Il villaggio vacanze e la classifica delle donne “scopabili”

L’istruttrice di aerobica, step, gag, pump e tutti gli acronimi di questo mondo, oggi pomeriggio non c’è. La sostituisce il tizio che sorveglia la sala attrezzi e che si dedica alla mattina agli sport acquatici.

Lui non ha la stessa delicatezza della sua collega e sto guardando alcune signore che vengono redarguite mentre non riescono a replicare alcuni movimenti che secondo me sono gli unici che l’istruttore conosce.

Lui è corrispondente al modello nazi-pilota d’aereo militare.

Alto, spalle larghe, faccia non attraente, collo taurino, capelli a spazzola, biondo, muscoli esibiti, torace ampio e culo ristretto, ha una forma conica rovesciata, cammina con la punta e si allarga man mano che alzi lo sguardo per misurargli la faccia.

Parla come una specie di caporale delle truppe d’assalto e una signora lo sta brutalmente mandando a quel paese perché abbassandosi di colpo ha quasi compromesso l’uso di un ginocchio.

La cosa più avvilente di tutto ciò è che nella zona più prossima a quella dove le donne e qualche uomo vanno a fare ginnastica si fermano spesso dei cretini che prendono in giro quelle donne e fanno una speciale graduatoria (questa si, questa no) con apprezzamenti anche piuttosto volgari.

Così grazie a loro nel villaggio si sa che c’è una “chiattona”, una “panzona”, una col culo a pera le tette a mela, le braccia a ciliegia e le gambe a banana.

In realtà questi gentili signori non sono uomini qualunque. Appartengono alla speciale razza dei fruttivendoli. Sono ortolani rivestiti da villeggianti e guardano l’umanità tutta come si trattasse di vegetali. Loro stessi, d’altronde, alla fine sono né più e né meno che dei carciofi abbronzati. E il bello è che poi si ostinano a dare del “finocchio” a chi non li segue in questa attività di valutazione ortofrutticola.

Non mi sono mai posta il problema di chi mi guardasse mentre svolgevo una attività fisica ma non deve essere piacevole tentare di rimettersi in forma, per se stesse, per buttare via un po’ di tossine e sudore, e avere alle spalle degli idioti che mi considerano solo come merce in esposizione per il loro divertimento.

Perché questi uomini dal cervello a forma di ananas avariata non trovano altro da fare che questo: rompere le scatole alle ragazze che reputano carine (che chiamano “scopabili”) e sfottere le donne per fare sapere al mondo che quelle femmine no, non meritano la loro attenzione.

Mai che gli venisse in mente che sono gli uomini così che non meritano attenzione.

L’istruttrice in genere chiede a chi non fa allenamento di sgomberare l’area. L’istruttore invece si tiene la clack ed è anche sua la responsabilità di quello che succede.

Le signore osservate, un paio delle quali (le conosco) sono madri di alcuni bimbi che io intrattengo la mattina, non si sentono a proprio agio e non le invidio per niente  perché pagare per una vacanza e poi trovarsi a vivere anche questo stress non deve essere semplice. Fossi in loro chiederei risarcimento danni perché ci deve pur essere un luogo in cui le donne non siano carne da macello e possano stare bene senza dover essere sottoposte a nessuna sfilata del cavolo.

A proposito: per sabato è prevista la sfilata per miss ospite del villaggio. Mi hanno chiesto di segnalare ragazze appetibili (non lo farò mai!). Tra i giudici della speciale commissione (in premio c’è nientemeno che un week end in più al villaggio, che culo!) c’è anche il mio boss capo animazione.

Questo non è un luogo di divertimento per tutti. E’ un luogo di sollazzo per gli uomini di un certo tipo e uno scannatoio per le donne.

Ringrazio di aver avuto l’opportunità di aver visto tutto questo da un punto di vista privilegiato, come lavoratrice precaria. Io e i villaggi turistici abbiamo chiuso. Definitivamente.

Annunci

9 responses to “Il villaggio vacanze e la classifica delle donne “scopabili”

  • Luciana

    Ciao, ho letto oggi per la prima volta alcuni articoli del tuo blog e li trovo molto belli, tutti condivisibili, ben scritti e ricchi di cose che mi fanno incazzare come una iena, non che sia colpa tua ovviamente. Leggendo che stai lavorando in un villaggio vacanze ho avuto una fitta e ho esclamato “che coraggio!”: 18 anni di vacanze in famiglia in villaggio mi hanno insegnato parecchie cose sulla tremenda accoppiata estate-sessismo. Non che d’inverno il sessismo vada in vacanza, ma d’estate c’è un’incredibile impennata di situazioni ad alto rischio di infarto per noi poveri “consapevoli”.
    Capisco bene di cosa parli, e mi tornano in mente gli animatori del villaggio che, quando avevo 17 anni circa, facevano girare me e la mia amica (bella di una bellezza da rivista) per osservarci i culi e giudicare chi era degno di partecipare al concorso per miss campeggio. Chiaramente io non venivo neanche presa in considerazione, e ci rimanevo un po’ male ma mai quanto ci rimarrei male oggi. Anche l’animatore rimaneva incolume e mai quanto lo rimarrebbe oggi, se provasse a fare la stessa cosa davanti a me.
    Stesso dicasi per le giurie da gradinate, pronte a valutare ogni donna. La cosa peggiore? Quando ci si rende conto che quelle giurie spieate e tristi sono composte da altre donne, donne che usano parole come “scopabile” esattamente come se fossero trogloditi di sesso maschile. Tristezza, tanta tristezza.

    Luciana

  • già

    dai non prendertela! I cretini sono ovunque! Io accompagno signore a mare in gruppo in romagna e faccio con loro un pò di ginnastica, mi piace l aerobica, si divertono tutte e pensano che io sia gay…mi domando perkè le tue ospiti si facciano trattare così! Sono loro ke pagano e hanno diritto al massimo rispetto da parte del personale. Al posto loro mi farei prendere per pazzo!

  • uomosolosolo

    il mondo purtroppo gira così………mi sento umiliato come uomo!!!!!

  • Gino

    brava, hai ragione!!
    gino

  • Francesca Peri

    Il tuo villaggio turistico è una sorta di perfetto microcosmo della vita che si prospetta a noi quotidianamente.

  • Lorenzo Gasparrini

    E’ la vecchia storia de “l’uomo che misura”, no?
    Dàje Malafé.

  • Mach-ismi | Cuore acerbo

    […] Il machismo mi ha sempre dato fastidio. Un po’ come i rutti. A esser sincero per un certo periodo della mia vita ho creduto che rutti e peti e machismo fossero in qualche modo correlati. In effetti lo penso ancora. Questione di educazione ricevuta? Non saprei, forse sì. Di contr’altare al machismo, ho sempre apprezzato un sano cameratismo. Come? Mi direte? Machismo no, cameratismo sì? Be’, tra “sano” cameratismo e machismo ce ne passa secondo me. Ho sempre amato l’armonia che si crea in una rock band durante le prove o prima del concerto, la difesa a spada tratta del compagnio che ha sbagliato il passaggio (sarà perché a calcio son sempre stato una schiappa?), il sodalizio tra circoli di intellettuali. Insomma, il cameratismo che è amicizia, ma non proprio amicizia, direi piuttosto condivisione, il condividere qualcosa che gli altri non possono capire perché non ci sono dentro. Oh, chiariamoci, qua sembra l’esaltazione del clan mafioso o di un truppa, ma non è di questo che parlo. Mi riferisco a qualcosa di intangibile che, probabilmente, gli uomini conoscono meglio delle donne (luogo comune, mi bacchetto sulle dita, ma per esperienza è così), ma che può nascere ovunque, anche in gruppi misti se – in mezzo – non ci si mettono questioni di cuore (o di altro genere). Perché queto post? Boh! Solo l’ho scritto dopo aver letto questo. […]

  • Traballare sfilando e le prove dei sensi « Malafemmina

    […] villaggio vacanze sono scanditi dagli arrivi e dalle partenze degli ospiti. I preparativi per la grande sfilata delle aspiranti miss bellezza del villaggio […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: