15 ottobre: se mi tolgono le ragioni per partecipare!

Volevo dire che sono veramente delusa e avvilita. Mi riferisco allo spot che parla del 15 ottobre e della rivoluzione. Che rivoluzione è se non passa attraverso la decostruzione dei ruoli sociali? Davvero non mi spiego come si possano censurare in un solo colpo tutte le donne che lottano strenuamente ogni giorno per sopravvivere e cercare di rendersi autonome.

Leggete il post di Femminismo a Sud e vi rendete conto del livello in cui stiamo.

Cosa devo fare? Il 15 ottobre vado oppure no? Davvero non lo so…

Annunci

5 responses to “15 ottobre: se mi tolgono le ragioni per partecipare!

  • stefania

    Lo spot è sbagliato, ma la manifestazione è giusta. Noi partecipiamo e stiamo organizzando uno spezzone di corteo al femminile dove lanceremo le nostre parole d’ordine. Ma se cominciamo con i distinguo non andremo da nessuna parte. I distinguo sono e saranno nei fatti.

  • mok

    Cara malafemmina, neanch’io mi riconosco nello spot (neanche che sventoli la bandiera italiana mi piace…penso che escluda molta gente…ma é un’altra storia) e neanche in molte dichiarazioni e manifesti che preparano la mani mi riconosco del tutto ma penso sarebbe meraviglioso che dal 15 ottobre (o da un’altra data se ci fosse un’altra occasione) nascesse qualcosa di piú di questo, qualcosa di nuovo da poter modellare e dove poter far valere le noste opinioni. Secondo me e dall’esperienza che ho avuto in altri movimenti di indignados, se le cose vanno davvero davvero bene, allora dal 15O in poi si spazzerá via tutto e quando dico tutto dico anche i manifesti iniziali e gli spot e le dichiarazioni che l’hanno impulsata, perché e si proverá a ricominciare da capo e si dovrá fare tuttx insieme. Lí non possiamo mancare.

  • Ena

    Vai!! E con un bello striscione o cartellone! Se nessuno si fa nostro portavoce, ci dobbiamo pensare noi.

    P.S.: Io invece non ci sarò. Starò combattendo la stessa battaglia su un altro fronte, proponendo me stessa come esempio di cambiamento, anche se in una realtà più ristretta.

  • Mar Lene

    Mmhh…
    Io non ci sarò per altre ragioni tutte personali che mi impediranno di venire a Roma, però vorrei. Lo spot è pessimo (bleah), e anche tante altre cose. Condivido in pieno il post di F. a Sud…
    Che dire? Che una manifestazione così conterrà certamente di tutto, dagli animi rivoluzionari a parecchia merda (ops, scusate..) ma son quelle situazioni dove bisogna essere presenti, almeno per sapere, poi, cosa è successo, e fare un’analisi seria dei prima, dei dopo, dei perchè sì e dei perchè no… Certo questo vale per me, magari chi ha una storia militante più coerente della mia non ne ha bisogno, chissà.
    Autoorganizzazione femminista, e siano i compagni a stare con le compagne, una volta tanto, e non il contrario: ogni volta a svendere principi inderogabili pur di non isolarsi dal “movimento”, ma così non si va da nessuna parte. Condivido in pieno le compagne spagnole: “La rivoluzione o sarà femminista o non sarà”!!
    Abbracci

    Ps: Vacci Mala, che poi mi racconti 🙂

  • Cornelia

    In generale, prendendo in esame il “nocciolo” del messaggio, direi che le argomentazioni esposte nello spot sono le stesse che (dalla meta’ del ‘900) vengono affermate da studiosi come Vance Packard e Noam Chomsky (denominati anche “allarmisti” e “complottisti”, non so se a torto oppure a ragione).
    A me non sembrano tutte banalita’ qualunquiste come molti commentatori affermano.
    Il fatto che il mondo sia controllato da pochi personaggi che pilotano pensieri e gusti della gente e che la divisione tra fazioni politiche sia, in realta’, un’illusione a me sembra sempre piu’ vero (e non e’ solo la mia modesta opinione).
    Cio’ che mi fa arrabbiare veramente dello spot in questione e’ che i destinatari sembrano essere solo gli uomini, come se le donne fossero di colpo tutte (ri-) diventate “allegre casalighe del maccartismo”, pronte ad aspettare il maritino che si fa il culo a quadri per “dare loro da mangiare” (si noti bene che, nello spot, la voce narrante si rivolge agli eventuali spettatori dicendo; “…e intanto non sai se domani arriverai a poter dare ancora da mangiare a tua MOGLIE…” – non, semmai, “a tuo figlio”- Semplicemente scandaloso, sempre secondo il mio modesto parere).
    Per cio’ che riguarda la manifestazione, cara Mala, non so proprio che suggerirti con precisione.
    Potrei affermare che faresti bene a partecipare in qualita’ di portatrice della tua verita’, che poi coincide con la verita’ di molti – uomini o donne – compresa la mia.
    Anche io, per puri motivi personali, non riusciro’ a partecipare; da brava precaria, sono presa tra un “lavoretto” part-time che ho ed una risposta per un secondo “lavoretto” che tarda ad arrivare: tutto questo mi causa malesseri come insonnia, cefalea e pirosi gastrica, nonche’ i coglioni che mi girano a mille!
    Insomma, tutti mali del nostro secolo (che culo!).
    Comunque, fammi sapere.
    Abbraccio sincero da una “complottista per caso”
    Cornelia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: