Tu come ti senti? Di mafia e d’altre discriminazioni

Vi racconto una storia.

Ho conosciuto un ragazzo. Un gigante dalla pelle scura e gli occhi tristi. Un giovane rom di 27 anni, scappato dall’abbraccio gentile della mafia che, nel quartiere povero della sua città, avrebbe voluto servirsi di lui per attività poco chiare.

Del resto – gli dicevano – che lavoro avrebbe trovato un rom? Che qua nemmeno gli italiani trovano lavoro, figurarsi ‘nu zingaro! – gli dicevano -.

E poi, con quel fisico – gli dicevano – era naturalmente adatto a quello che gli proponevano di fare, nemmeno uno sforzo era necessario.

Del resto – gli dicevano – si vedeva proprio assai che lui era un rom, non poteva nemmeno fingere di essere … che so … siciliano, o meridionale, di quelli assai assai a sud. Si capiva troppo bene ch’era un rom. E che s’aspettava di fare? – gli dicevano –.

E sembrava quasi che non s’accorgessero, mentre gli parlavano, che quel rom rispondeva in dialetto calabrese con accenti e cadenze così precisi che, ad ascoltarlo ad occhi chiusi, quasi non ci si rendeva conto che lui era ‘nu zingaro.

E il gigante dalla pelle scura e dagli occhi tristi non l’accettava proprio l’idea di avere d’avanti a sé una strada di violenza, pericolo, di illegalità. E mentre mi diceva che aveva preferito andare via, lasciare la sua famiglia in quel quartiere disgraziato, scappare senza nemmeno avvertire la madre che non l’avrebbe visto tornare quella sera, mentre mi diceva tutto questo lui piangeva.

Piangeva con la testa fra le mani,  che si vergognava, grande e grosso com’era, a piangere davanti a me.

Poi mi ha detto: “se tu eri felice, se avevi una vita e ora non ce l’hai più, ora, ora che non hai niente… tu come ti senti? Io mi sento nelle sabbie mobili”.

È come stare nelle sabbie mobili.

Vivere in un paese di mafia è come stare nelle sabbie mobili. Certe volte ti mantieni a galla, nonostante la difficoltà di volerti sottrarre a logiche di violenza e sopraffazione che, in un paese di mafia, a volte rischiano di diventare comportamenti normali.

Molto più spesso, però,  vieni travolto, affoghi nell’ingestibile sensazione che non cambierà mai niente.

La mafia uccide prima di tutto la speranza, ne disperde le energie. Insinua il sospetto che, tutto sommato, potresti anche abituarti a vivere sotto quella cappa di controllo, che tutto sommato potresti pure accettare di vivere senza aspettarti grandi cose, purché ti lascino in pace, purché s’ammazzino fra di loro.

Ma non s’ammazzano mai “fra di loro”. Almeno non fisicamente.

La mafia che s’insinua nei centri nevralgici della politica uccide la speranza di tutti di avere un futuro, distrugge ogni possibilità di crescita per tutti, di una crescita che sia svincolata dal controllo stesso della mafia.

La mafia che s’insinua nei centri nevralgici della politica appanna lo sguardo e ne distorce le immagini, rischia di fare accettare comportamenti ed idee che deridono il concetto di legalità. Riduce ogni progetto di vita ad un mucchietto di sogni spezzettati, carichi di rimpianto e passiva rassegnazione.

La mafia uccide prima di tutto la speranza. E quando t’hanno tolto la speranza, tu come ti senti?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: